Senza categoria

Rassegna attività politiche del Partito Pirata vol. 2

a cura della Presidenza del Congresso del Partito Pirata

ver. 1.0 del 08/05/2020

Azioni in corso che hanno avuto un esito pubblico

Il Partito Pirata suggerisce Marco Calamari come Garante Privacy ai parlamentari italiani

Con una lettera indirizzata ai parlamentari di Camera e Senato il Partito Pirata ha suggerito loro il nome di Marco Calamari nella prossima elezione dei membri del Garante Privacy, «perché l’ufficio del Garante Privacy ha bisogno di persone di prestigio sempre più lungimiranti e perché abbiamo conosciuto, visto ed ascoltato l’ing. Marco Calamari in occasione delle recenti campagne elettorali per il Parlamento europeo proprio sul tema dei diritti umani digitali, della privacy e della conoscenza come diritto umano universale». (Mozione n. 3138/i6646 del 6/7/2019 / Esecuzione ppGdL#3138)

Rassegna stampa:

26/07/2019 «Garante privacy, il Partito Pirata a supporto di Marco Calamari» di R.G. Martino e E. Somma 

Adesione alla campagna savedotorg

Il Partito Pirata ha aderito alla campagna “savedotorg” per chiedere di fermare la cessione del Public Internet Registry, l’ente che si occupa della gestione dei top-level domain .org, al fondo di investimenti Ethos Capital e invitato i simpatizzanti ad aderire anche a titolo personale sul sito https://savedotorg.org (Mozione n. 3226/i6802 del 2/2/2020 promotore nuciluc).

Azioni approvate dall’assemblea in fase esecutiva ma non pubbliche

Il Partito Pirata Italiano promuove una proposta di legge europea di iniziativa popolare (ECI) sulla legalizzazione del file-sharing

Oggetto: Promuovere una European Citizen Initiative per la legalizzazione del file-sharing privato non a scopo di lucro

Promotori: M. Ciurcina

Mozione ordinaria #3133 / i6640

L’obiettivo è promuovere insieme a TNT Village, la presentazione della seguente proposta d’iniziativa dei cittadini (vedi http://ec.europa.eu/citizens-initiative/public/welcome ).

Stato: L’iniziativa è stata votata dall’assemblea I promotori stanno raccogliendo le adesioni per la formazione del comitato europeo.

Azioni approvate dall’assemblea

#3316/i6900: New Deal per il Congresso Permanente

Il Congresso impegna gli organi ad attivare una nuova istanza, sulla piattaforma LiquidFeedBack, denominata “Congresso” fatta in maniera tale che i lavori della nuova istanza siano pubblici ed accessibili, in sola lettura, a tutti, ed operabile solo dai pirati iscritti.

i6812: Partecipazione alla lista Base Costituzionale e stesura del programma per partecipazione Regionali Liguria

Proposta di Legge per il contrasto alla discriminazione delle persone con disabilità

Oggetto: modifica della L. 67/06 sulla discriminazione delle persone con disabilità

Promotore: S. Bonanno

Mozione ordinaria #3141 / i6649

La legge sulla discriminazione (o Legge Mancino) ha subito negli anni una complessiva attenuazione delle conseguenze sanzionatorie previste perché politicamente ci si è concentrati soprattutto sulle condotte che riguardavano principalmente la “diffusione delle idee e l’incitamento alla discriminazione”.  La discriminazione subita dalle persone con disabilità presenta però troppo frequentemente un quadro gravemente lesivo di chi ne è vittima sia dal punto di vista psicofisico che negli aspetti patrimoniali. Nella proposta di modifica della L. 67/06 sulla discriminazione delle persone con disabilità, il ruolo istituzionale dello Stato viene esercitato da chi ha il compito e la funzione di assicurare la tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. Rilevante nella proposta è la “monetizzazione” della lesione di un diritto, che viene attivata solo ed esclusivamente se la mediazione non produce effetto, e quindi non si arriva ad una composizione pacifica del conflitto trovando un “accomodamento ragionevole” tra le parti.

La proposta di Legge, redatta da Sara Bonanno, si incanala in una misura conservativa parametrata al singolo contesto, che “monetizzi” la lesione subita fino ad un limite massimo di 180 giorni, per raggiungere la doppia funzione sia ad incentivare l’interruzione della discriminazione che ad innescare il processo di empowerment indispensabile nella creazione di una civiltà equilibrata.

Adesione al forum Indivisibili

L’assemblea ha dato “ampia fiducia” a Tresa, quale referente del partito, per compiere tutte le azioni necessarie e conseguenti all’adesione al Forum Indivisibili, con piena autonomia decisionale e operativa anche per la redazione di un documento rappresentativo del Partito, nel solco del programma CEEP (Mozione n. 3158/i6696 del 9/9/2019 promotore storno, exedre).

Nota Metodologica:

Sono raccolte in questo documento tutte le attività, ad esclusivo giudizio degli estensori, che hanno maggiore valore politico tra quelle incardinate, in vario modo, dal Partito Pirata in quanto tale, o dai suoi singoli militanti. 

Per contattare la redazione scrivere a rassegna@pir8.pw

0 comments on “Rassegna attività politiche del Partito Pirata vol. 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.